martedì 8 maggio 2012

Sono invisibile




Non so se vi siete mai sentiti così, invisibili. Io sì e piuttosto spesso. Non che ami la notorietà,anzi! Però non è bello ugualmente non sentirsi parte di qualcosa. E per sentirsi parte di un qualcosa, di un posto, di un gruppo, occorre non essere invisibili.
Ad una certa età fare amicizie diventa più difficile. Specie se hai una vita sociale prossima allo zero come la mia. Non lavorare o lavorare saltuariamente è un ostacolo. Forse non per tutti, ma per me sì. Aggiungeteci a tutto questo il fatto d’aver cambiato regione,casa,lasciando i miei punti di riferimento costanti, i miei posti preferiti, i miei angoli di ricordi..Qui son molto cordiali, affettuosi. Ma la difficoltà di socializzare rimane. Non son un tipo riservato o timido,anzi. Eppure non riesco a tessere rapporti. E dopo ormai quasi tre anni che convivo qui sto cominciando a pormi molte domande.
I rapporti amicali, si sa, son nella maggior parte molto settari e duraturi, quindi entrar in un gruppo già consolidato non è così semplice come nel telefilm. Specie se son gruppi femminili. Le difficoltà son maggiori quando per ovvie ragioni legate al non lavorare al non avere la possibilità di frequentare gli stessi posti, locali ecc, non hai argomenti sufficienti per instaurare una conversazione. Perché le conversazioni tra donne riguardano:90% pettegolezzi; 5 % chiacchiere su tutto e niente; 5%commenti sugli uomini. Il mio peggior difetto è l’incapacità, cronica, di far pettegolezzi. E pettegolare su persone che neppure conosco o conosco da poco, capite bene, per me, è impossibile. Rimane il 5% di chiacchiere su tutto e niente. La sfiga ha voluto che con le ragazze che ho frequentato, queste si riducessero a frasi fatte prive di sostanza e di un filo logico, che morivano un istante dopo aver dato loro un imput per tornare al pettegolezzo, fonte di risate allegre e goliardiche e motivo valido per sputare il veleno accumulato durante la settimana. Poi ci son i mini discorsi sul lavoro, condito com’è ovvio anche lui di frasi fatte e stereotipate, e tu che il lavoro non ce l’hai : a)vieni presa a modello del sistema che non funziona “perché come fa una con due lauree a non lavorare? B) sei l’emblema della sfiga perché per lavorare devi avere un forte aggancio politico e tu nada; c) vieni commiserata “eh mi spiace..che vuoi farci..la crisi colpisce un po’ tutti” detto con una Braccialini da 400 euro al polso…
Ho provato a cambiare “giro”, ma mi son resa conto, nelle mie indagini pseudo-sociali, che per far amicizia, da adulti, bisogna ricorrere a un fil rouge. Come per il blog. Ossia ricorrere alle affinità. E anche in questo caso, ho molti gap. Io non sono una ben determinata, cioè non sono una “solo romantica rosa” o “solo ragazza seria tutta casa e chiesa” o “una con tanti grilli per la testa ma senza sostanza” oppure “una mamma con figli “ o “una single in carriera” oppure “una zitella acida incazzata col mondo” oppure “ una convivente che attende con ansia il matrimonio” oppure “una che rifugge il matrimonio manco fosse la peste e odia i bambini” ecc ecc. Insomma, io son un mix. E non giova se vuoi far amicizia. Specie fra donne. Fra uomini lasciamo stare, mai avuto problemi con loro, ma qui, ho notato, han tutti una concezione un po’ arcaica dei rapporti tra uomo e donna e rifuggono dal parlare con te da soli, in pubblico o in privato per non incorrere in chissà che faida tra uomini.. Poi ci son quelle che alla mia età han famiglia e figli e tu sei vista come una che sta un gradino sotto, perché non ne hai e non puoi capire. Ed io,per carità, in certi affari non mi immischio,seppur di bambini non sia proprio a digiuno..
L’invisibilità da cui il titolo è una caratteristica che mi rappresenta benissimo. Son una,cioè,che passa inosservata. Posso anche comparir su “Chi l’ha visto?” che tanto nessuno, neppure in un paesino piccolo come questo, mi noterebbe. In questo tempo non son riuscita a instaurare neppure un rapporto di fiducia col panettiere, col fruttivendolo o col macellaio! E si sa quanto i rapporti di fiducia siano indispensabili in tali settori, per avere sempre la “roba buona e fresca” e i tagli migliori di carne. Io invece no. Frequento da quasi tre anni lo stesso super mercatino sotto casa, lo stesso panettiere e lo stesso mini centro commerciale, e nessuno,dico nessuno, mi hai mai dato del tu, o mi ha mai riservato il pezzo migliore di carne. Non son riuscita a far in modo che il tizio dietro al bancone, si affezioni a me. Perfino la tizia della lavanderia dove porto i pantaloni quelli buoni di Swiffer che evito di stirar e lavare per non incorrere in spiacevoli inconvenienti, non sa come mi chiamo,ma quando vede Swiffer invece si ricorda perfettamente il pantalone senza controllare il numerino dello scontrino(e lui ci va pochissime volte e sempre con me..)
..E che dir dell’edicolante?E’ un anno che tre volte a settimana vado da sola o con Swiffer a prender i soliti giornali e l’altro giorno quando son andata a ritirar un arretrato non voleva darmelo perché “non so chi sei”.0___________________________0
Nella migliore delle ipotesi vengo associata a Swiffer, nella peggiore, quando cioè non mi associano neppure a lui, io non esisto proprio.
Ho lavorato qui eh, e ho tessuto – almeno mi sembrava – rapporti con altre persone, ho cercato di mantener contatti, organizzato cene, pizzate, un caffè, ma niente. Oltre un semplice ciao o una serie di frasi fatte e di circostanza non son riuscita ad ottenere.
Ripeto, non son un tipo che non ha argomenti di conversazione, non son un tipo asociale o timido, neppure una troppo seria o che se la tira,anzi! Ma, vi giuro, non riesco a capire cosa c’è che non va in me. Perché rimuginando e discutendo anche animatamente con Swiffer – che per me è la causa del mio stravolgimento della vita alle volte – non posso non arrivare a chiedermi se c’è qualcosa che non va in me.  
Perfino il blog mi dà conferma della mia invisibilità. Ne deduco che devo cambiar qualcosa, devo attuare una strategia. C’è chi, discutendone, mi ha suggerito di “adattarmi” in poche parole di “non essere quella che sei” e provar ad essere come “piace agli altri”. Ed è difficile: come si fa ad accontentare o piacere a tutti?Ci sarà sempre qualcuno a cui non piaci. Normale. E poi perché devo cambiar io? Mi direte,”perché sei tu che fai fatica a socializzare, a inserirti a farti vedere, non gli altri”. Ci ho provato eh,ma ho sortito lo stesso effetto di uno scimmiottamento: quando uno nasce tondo,non può diventar quadrato dall’oggi al domani. E poi non è "spontaneo": io sono così, spontaneamente così. Cioè la mia natura è questa.Certo non è piacevole sapere che non piace o che non riscuote "successo" (non aspiro all'oscar eh..)e sono ipercritica con me stessa, mi impongo sempre di migliorare,di smussare i difetti, sono un tipo aperto, so riconoscere i miei difetti,insomma..lavoro molto su di me.Forse troppo..E quindi vorrei tanto capire..
Ecco,so che i blog con post così non vengono letti. Specie se son logorroici. Ma io son così e quando mi impongo d'esser diversa e di adattarmi, vengono fuori post talmente orrendi che mi vien la pelle d'oca solo all'idea di pubblicarli.Idem per i rapporti interpersonali. Non son una che parla senza pensare o che pecca di tatto o educazione, ma sono me stessa sempre. Consapevole che può anche non piacere. Ci sta. Ma quando cominci a sentirti così, invisibile, insignificante, ecco..allora comincio a chiedermi perchè.
Ho pensato anche di rivolgermi ad uno strizzacervelli, dico sul serio. Perché questa situazione a me non fa star bene. Checchè io provi a riderci su e a ironizzarci, non ci sto bene. A star sola, a sentirmi sola, una voce fuori dal coro, una che non è né carne né pesce. Ma le mie finanze non me lo consentono.
Ecco..se avete dei suggerimenti. Anche per rendere meno invisibile ‘sto buco di blog(senza ricorrere all’elemosina – tipo “lo dico a quel blog o quell’altro così magari lasciano un commento e ‘sta povera crista si tira su di morale..”). Io sono qua… 
PS: non sono in spm..

20 commenti:

  1. essere visibili o invisibili è prima di tutto una caratteristica personale, c'è poco da fare. Io sono invisibile, ma la cosa non mi tocca perchè ... sono fatto così, e da tempo ho imparato ad accettarmi per come sono (l'altrenativa sarebbe stato il manicomio o il suicidio, quindi avevo poca scelta). In fondo, mi interessa non essere invisibile per le (poche) persone che mi interessano, e tanto basta.

    Sul blog, l'unico verità è quella che un post troppo lungo è difficile da leggere. Poi ... pubblica delle foto di belle ragazze, casomai in po' osè, dai risposte spiritose e piccanti, flirta con i lettori, e vedrai che i contatti aumentano :-) specie quelli maschili (gli uomini, si sa, sono più facilmente influenzabili delle donne)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uff allora dovró rassegnarmi:-( sul blog:ho scritto post piccanti,ho lasciato commenti interessati e interessanti(mai fingendo,preciso)e nada. Ho scherzato e giocato sui doppi sensi,ma niente,rimango invisibile. Sulla lunghezza del post dico che hai ragione,in parte:alcuni blog che seguo scrivono post anche più lunghi dei miei(incredibile ma vero)eppure han una camionata di commenti e follower. E gli argomenti son disparati eh,seri,serissimi,alcuni perfino tristissimi,ma son visibili. Io ho scritto anche post corti e niente. Credo che il difetto sia connaturato in me. Sulle foto sexy beh le metterei anche ma non son le mie..e gli uomini si fan sempre strane idee a riguardo. Ne ho avuta esperirnza in una community,uh se avevo seguito,ma poi si degenera e io non son sempre in vena di flirtare e giocar su doppi sensi..grazie old..penso che il mio sia un caso patologico..:-(

      Elimina
    2. Ma no Ele, il problema (a mio avviso) è un altro: cosa ti aspetti da un blog? Se è uno sfogatoio (come quello mio), una finestra riservata per parlare di se stessi, allora cosa importa che tu abbia 10 o 1000 lettori (tra l'altro hai 24 follower vedo ora, non sono pochi)

      Se invece ha un altro senso ... allora devi mettere in gioco la tua professionalità per esempio (se tu sei psicologa ... come credo tu sia ... cominciare a parlare di psicologia affrontando argomenti che molti possono capire) ma anche girare per altri blog, fare la presenzialista.

      Insomma, credo che tu prima di tutto debba decidere che senso dare al tuo blog.

      Se la cosa può consolarti, io sono una persona così anonima che spesso c'è chi crede di riconoscere in me altre persone, proprio perchè sono un tipo comune ... ma che male c'è? Anche se sono cmune, sono comunque unico (e c'è chi direbbe ... meno male :-))

      Elimina
    3. Come ho scritto giusto due o tre post fa, l'intento è la condivisione. In generale." Cioè parlar"discutere con altri,ma mi rendo conto che il blog,non il mio ma in generale,è tarato per altro,non per condividere. Lo sfogo ci sta ma non sempre,per me. Il tuo non è uno sfogatoio è il blog sulla condivisione di un pó tutto,come lo intendo io. Oh beh old son contenta che a te non pesi l'essere anonimo,neppure a me eh. Peró non riuscire a trovar un modo per collocarmi,non sentirmi invisibile,è una cosa che in certi periodi mi pesa molto. Eheheh no,sono semplicemente una educatrice e insegnante senza lavoro.se riesco a laurearmi divento,almeno sulla carta,una pedagogista.e forse ti sembrerà strano,ma non si occupa necessariamente di bambini e ahimè affronta argomenti così seri e delicati che dovrei aprirci un blog ad hoc. Magari in futuro se riesco a svolger la professione,lo faró.:-)grazie dei consigli..visto che sei saggio?:-)

      Elimina
    4. Dimenticavo!io presenzio molto! Seguo così tanti blog e commento in tutti ( evito solo quei post nei quali non saprei cosa rispndere ed evito di postar commenti del tipo "bello.passa nel mio..")ma non lo faccio nell'ottica del do ut des. E comunque come vedi,non serve presenziare,nel mio caso. Son invisibile o insignificante anche in reteehehehe...devo esser più grintosa e menefreghista. Forse così;-)

      Elimina
  2. L'unico consiglio che mi sento di darti è di non cambiare il tuo modo di essere solo per piacere di più agli altri. Tu sei così e chi non ti sa accettare per quello che sei evidentemente non merita neanche la tua attenzione.
    So che cambiare posto da grandi è più dura di quando si è pischelletti, perché mancano le occasioni di incontro.
    Quello che ti posso dire è questo: esistono persone che non permettono a nessuno di entrare nel gruppo, ci sono loro e voglio l'esclusiva e si chiudono verso nuove conoscenze, anche se la persona in questione è brillante e simpatica, anzi forse proprio per quello.
    Esistono però anche giri in cui dopo una sera si è subito in sintonia, ci si scambia il numero, si esce altre volte, ci si confida su un problema ecc.
    Quindi non demordere Ele, troverai amici veri anche da grande...e quando esci sorridi, si ricorderanno di sicuro di te se sorridi ne sono certa. E se già sorridi...allora regala occhiali a vista a edicolante, macellaio ecc. :D
    Il problema NON SEI TU!
    Tanti baciotti cuginetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Meli.:-) io sorrido sempre:-) e son sempre molto comprensiva,molto paziente con cassieri lenti,commesse scorbutiche..dó sempre il buongiorno e i saluti di rito.insomma una persona normale. Sì in certi gruppi funziona così e sui veri amici mah..non so. È che finora di persone disposte a uscir anche senza il gruppo non ne ho conosciute. Poi alla lunga mi stanco di telefonare,invitare,proporre uscite o un thè ecc quando vedo che l'iniziativa è sempre a senso unico non posso non pensare che non c'è interesse..eh speriamo cuginetta che cambi un pó perchè a me il Molise e la realtà piccola in cui vivo piace peró mi pesa sempre di più e spero di trovar un modo per ambientarmi senza sentirmi ogni volta frasi del tipo " ma come ci sei finita qui? Ma con tutte le cosebelle e che funzionano,con tutte le possibilità chr ci sono,sei venuta qua.." Ecco io mi sento sempre la cugina del nord che non ha niente a che vedere con la gente di qui. ..va beh..piano piano..:-) baci e grazie!

      Elimina
  3. ciao ele,
    provo a fare l'ottimista che passa di qua. intanto, non sei così invisibile se mister swiffer ha deciso di passare la sua vita con te.
    aggiungo che, secondo me, il blog è un discorso a parte. per dirti, io ho scritto per tre anni sostanzialmente per me stesso. poi, non so perché, è sbucata un po' di gente: è una cosa strabella - intendiamoci - ma non me la so spiegare.
    sulle amicizie "dopo una certà età", poi, hai ragione, sono più difficili da costruire. è fisiologico. in più, molte di quelle consolidate sfumano o se ne vanno. nessuno ha la soluzione, ma certo va bene cercarla col sorriso, come fai tu.
    dico solo che questo post è tenerissimo e il modo in cui ti percepisci è molto più diffuso di quanto credi.
    ti abbraccio forte (e meno male che i milanesi sono freddi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose belle non hanno mai una spiegazione:-)Forse hai capito verso che direzione orientare il tuo blog.O forse è sempre stato così e un bel giorno qualcuno è passato di qua ed è rimasto sorpreso,felicemente e allegramente sorpreso.Ha letto e gli è piaciuto che è rimasto e ha attirato altra gente.:-)Almeno io ti ho conosciuto così:-)Sì,le amicizie col tempo son difficili..Beh io non cerco,in verità, mi offro.Ehm,ora non travisare..io mi offro come amica,perchè ho fatto mio il motto che per avere amici bisogna per primo esserlo.Però,ecco,considerata l'ipocrisia che c'è in giro e le prese per i fondelli avute(cioè usata e gettata)forse avrei dovuto capire ch'è giunta l'ora di cambiar atteggiamento..(solo che quando metto la spia "cerca"su on poi attiro solo uomini...uff..).Grazie per il "tenerissimo"..e uh..grazie per l'abbraccio..da un freddino nordico direi che non si può non rimenerne colpiti;-)

      Elimina
  4. Cara Ele, come ti capisco! L'ultimo anno delle superiori è stato tragico in fatto di amicizie. Prima uscivo con due amiche, ma poi si litiga, ci si perde di vista... adesso non ho un gruppo, però ho qualche amicizia. Anche io di solito ho difficoltà ed è vero che frequentando pochi posti, non lavorando o studiando, è difficile trovare modo o se c'è il modo argomenti di conversazione. Non saprei che consigliarti, se non di non arrenderti e iniziare, che so, a frequentare una palestra oppure un corso d'arte. Qualsiasi cosa... piano piano ci riuscirai :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì,beh,io di amiche ne ho.Preziose.Poche ma preziose.Peccato siano lontane fisicamente.Ma le sento ugualmente vicino nella lontananza.E mi sento in colpa e manchevole di rispetto nei loro confronti,quando dico di non aver amici.La realtà è che di amiche vere,ne ho,poche ma ottime.Credo che sia la vita sociale in sè,di qualsiasi tipo,forse,a mancarmi.Più del fatto di non aver amici vicino con cui uscire,per esempio.Sto frequentando un corso e non ho affatto avuto problemi di socializzazione,anzi!Il guaio?é a Roma e io son in Molise..:-)ehehehehe Non possiam propriamente frequentarci..:-)Grazie..

      Elimina
  5. Guarda Ele non sono in gradi di darti suggerimento alcuno, navigo nelle tue stesse acque. Anzi, se trovi na soluzione fammi un fischio eh?! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...se la trovo sì. Ma va beh,dai..almeno il tuo blog non è invisibile:-)Un vantaggio in più ce l'hai:-)Uèèèèèèèè aspetto il nome della crema miracolosa!!:-)ehehehehehehe

      Elimina
  6. Risposte
    1. Il primo suggerimento è quello di lasciar perdere lo strizzacervelli, secondo me se ci vai sei tu quella che manda in crisi lo psicoterapeuta con la tua parlantina! :) Mi riesce davvero difficile immaginarti come una invisibile Ele, penso che dipenda piuttosto da un tuo modo di percepire una realtà quotidiana che ti annoia, in cui non trovi interessi e relazioni, ma che non dipende da una tua carenza. Insomma, son sicura che quando lavoravi a scuola non eri invisibile nè per i bimbi, nè per i colleghi, nè per i genitori. Poi se vivi in un piccolo contesto isolato che non ti piace, se la vita sociale è carente, giocoforza sentirsi trasparente. Io adesso, per motivi diversi, non frequento compagnie, non vado più in palestra, ecc ecc, quindi ho la stessa sensazione tua, però so che in parte me la cerco e che in tempi diversi era tutta un'altra vita, pur non essendo una compagnona del tipo leader:( Per il blog: effettivamente i tuoi post sono un po' lunghetti ed articolati, ma insomma: se tu sei così perchè devi omolgarti alla consuetudine generale? Accontentati delle risposte che ricevi e bonalè :) E a proposito di invisibilità e di blog, cosa dovrei dire io che nel tuo ho bisogno dell'aggancino per postare altrimenti manco mi considera? uffiiiii...

      Elimina
    2. Eheheheheh Sì Nadia!! In effetti è capitato con un mio amico psico...l'ho messo in crisi..ehehehehe Non per la parlantina-cioè la quantità di parole emesse-ma per il ragionamento articolato!ehehehe Eh..la verità è che non è solo una mia percezione.Sono invisibile.Il fatto che nessuno ti cerca per un caffè,o per un thè,o una cena..insomma..quando non sei cercata,vuol dire che non esisti.Quando lavoravo no! Ero non solo visibile ma per alcuni bambini e genitori quasi indispensabile! :-)Bello anche se con una enorme responsabilità.Mi faceva sentire viva..ma come si dice,tutti siamo utili,nessuno indispensabile.Quindi anche se quando è finito l'anno tutti han pregato e sperato ch'io tornassi,alla fine si son adeguati ad un'altra e son andati avanti lo stesso..Normale.Sì,la vita sociale carente non giova.Spero di poterne avere una presto..ma boh..Ehehehe Sì,post lunghi e articolati.Forse dovrei smussare sull'Aritcolato..perchè potrebbe non invogliare a discutere oltre..se qualcuno ne avesse voglia..Uff..mi spiace..non capisco davvero,perchè il mio blog ti dia così tanti problemi..ma va beh,cerchiamo di ovviare come possibile:-)

      Elimina
  7. Ciao Ele...cambiare per piacere agli altri? Saresti matta se te ne convincessi... così come credo che qui lo strizzacervelli c'entri poco. E ti parla una che al suo paese aveva solo due amiche e una volta trasferitasi, dopo 15anni in questa città non è riuscita fare ancora mezza amicizia sia perchè gli spezzini sono chiusissimi sia per il mio congenito carattere timido. In questi anni una sola amica vera ma lontana più di 700Km e ora nemmeno quella più. Però amicizie a distanza me ne rimangono proprio grazie al pc, al blog e alla passione per la scrittura.
    Nel quotidiano a volte mi strozzerei da sola, ma ho capito che certe cose sono come un destino... perchè trovo sempre invidiose o tipe che ti stroncano fin dai primi approcci perchè non sono nel loro target(ma il bello è che non sono mai in nessun target)...perchè le taciturne vengono emarginate in partenza, perchè non volente non passo inosservata e quindi levo attenzioni a loro... perchè...mille perchè(che sono i loro perchè), ma ormai preferisco starmene sola, lasciarmi etichettare come gli pare e vado avanti come riesco.Quando mi pesa troppo aspetto passi il magone!
    Riguardo il blog ti posso dire che io ne ho uno personale che rimane deserto, quello creativo che solo adesso pare ingranare un pochino e per assurdo prima avevo più tempo e voglia di presenziare i blog amici e pochi ricambiavano, ora che sono poco presente dagli altri sbucano follower da dove non so e mi ritrovo più commenti di un anno fa.
    Ti direi ancora tanto ... e questo è il guaio dei bei (perchè per me questi post lunghi sono belli) post lunghi: che li commenterei a dismisura.
    Ti capisco , ma non so cosa consigliarti!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Stef!! I commenti lunghi,lo sai,a me piacciono:-)Siam proprio simili:-)Me ne ero già accorta di là ;-)E hai ragione..piuttosto che farsi etichettare o accerchiarsi di persone invidiose o peggio,meglio rimaner sole.Anch'io ho amiche ottime,lontane.Le sento vicine,grazie al pc.E vorrei tanto abbracciarle di persona.Mai dire mai nella vita..:-)forse, non lavorare,forse non aver un vita sociale per qualsiasi motivo,che non sia comprar il pane-tra l'altro ora non ci vado più visto che mi han spacciato la pasta madre -o ritirar i pantaloni in lavanderia,non aiuta.Anche il fatto che inserirsi,come abbiam fatto noi,da "grandi" in una realtà nuova,non è facile,non giova alla vita sociale.Non è tanto,secondo me,la timidezza tua.é che le persone che conosciamo,hanno già un loro giro,ffrutto di anni di frequentazioni,lavoro insieme..ecc.e inserirsi non è un processo veloce e semplice.Poi noi donne siam per natura più complicate e chiuse..molto meno aperte degli uomini..Per il blog,non so.Era per dir che se anche il blog è invisibile,allora,c'è un qualcosa che devo indagare in me e nel mio modo di pormi agli altri,per capire come cambiare e sentirmi meno invisibile.:-)Grazie!Un abbraccio anche a te!

      Elimina
  8. io ho letto tutto....., giuro sulla panza del 65!
    ........E MI ASSOCIO..PER L'INVISIBILITA'.., io lo sono , al lavoro,...come ti ho detto al telefono....
    nESSUNO SA CHI SONO..ne che son io a cucinare....in primis!
    Io faccio " un mazzo tanto" ...impasto , tagliuzzo, invento...e poi.., esce la sora coca ( quella piu' ehhm anziana" ) e si becca tutti i complimenti" oh signora complimenti, ho mangiato benissimo...., ma come e' brava!...etc etc..." esco io..e forse c'avro' l'aria della lavapiatti ( senza offesa., i piatti li lavo anch'io...) .., boh....e nessuno mi si caga.., roba che se son li' all'ingresso , che tu sai.., mi passano vicino., salutano il boss..., guardano dalla mia parte...e..boh.., niente.., come se trapassassi i muri, IO NON SON LI' PER LORO!!
    MAH E BOH..., ALLA FINE CHE MI FREGA.., PERO'.......... ò_ò
    c'AVRO' LA FACCIA DELL'ANTIPATICA.., BOH....invece.., nei negozi, no.., mi succede che le commessse attaccano un bottone con me!.......ed io li' che magari non c'ho voglia di parla'.., mi devo sorbi' la storia delle due operazioni all'alluce valgo, con annessa dimostrazione visiva.., sigh........:-( ..in compenso la collega , mi ha fatto un ulteriore sconto sulle scarpe che volevo compra'...evvaiiiiiii.......,
    nON SO CHE DIRE.., TU SOLA PUOI DEFINIRE COME TI SENTI.., E SE ANCHE TUTTI NOI.., ti dicessimo "dai su'.., non e' vero....., non sei invisibile., conta solo come ti senti tu!..ma non per dire che ti devi crogiola' sulla sensazione vera o presunta dell'ivisibilita'.., devi trovare un modo tuo per collocarti nel mondo.., ma un modo tuo.., che ad esser chi non si e'.., son bravi tutti..ma AD ESSERE SE STESSI OH., quello si .., e' il difficile della vita....., oh.., ce ne abbiamo solo una.., e non si riparte dal via....dice LIGA ( <3) ...E TU ED IO CI FACCIAM TROPPE SEGONE MENTALI!
    Augh!! .-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhhh Ma cherì..che bello rileggerti..stavo andando in crisi d'astinenza!!:-)Uff..non è una sensazione mia..il macellaio a me la carne buona non la dà e mi tratta sempre come se fossi arrivata da poco o fossi sempre di passaggio..non una del posto.Per il resto,amici e co.boh..forse finora ho bazzicato solo con persone troppo diverse da me boh.Insomma io mi sento così,ma è una conseguenza del fatto che lo sono,invisibile.Non il contrario. Eh..spazi miei..una parola..parolona..guarda l'altro ieri ho quasi discusso con Swif..perchè lui qui ha tutto mentre io..un emerito tubazzo..Mi chiedo chi me lo fa fare,che tanto fare la crocerossina a che serve?Di santa Elena ce n'è già una..Uff boh.A me basterebbe trovar un mio posto qui.Perfino a Roma avevo un mio posto..Sulla tua invisibilità,beh,io uscirei e come ti ho già detto quando ho letto l'insegna "falla correggere!!" Perchè il boss non è solo lui!Se potessi verrei io,una sera,e farei conoscere la chef a tutti!:-)A me le commesse guardano con occhi storti..e dire che io saluto,dico buongiorno col sorriso,auguro una buonagiornata quando esco e ringrazio anche per delle sciocchezze!No,secondo me ha ragione mammà "tu tì da fà la stronza!".Quelle guarda un pò, non son mai invisibili.Seghe mentali?Uhhh tantissime.Ma no.Cioè io sò così e non cambio,perchè tanto non mi riesce e poi perchè?No no.Però quando sei sempre sola e quando fai fatica a inserirti a sentirti parte di un posto,quando ti senti sempre una "estranea" una "non del posto" una "del nord che è venuta,come una scema,quaggiù"..non ce la fai a non chiederti se c'è qualcosa che non va in te.Visto che il problema,apparentemente,ce l'hai solo tu..uff

      Elimina

Che aspetti?Dimmelo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...