lunedì 17 settembre 2012

Come viene...

Cogli l'attimo..

Suona scontato, lo so. Scontatissimo. E lo si dice sempre, in questi casi. 
Ma non è, se si pensa bene, così scontato come crediamo. 
Riteniamo d’avere tempo. E rimandiamo. 
Rimandiamo al giorno giusto, a quello perfetto, a quando tutto è propizio. 
Rimandiamo. 
E invece no, non dovremmo. 
Il tempo lo troviamo, lo ricaviamo, lo ritagliamo. Ma preferiamo pensare di averne così tanto che un giorno di attesa in più, un mese..cosa vuoi che sia un mese? 
Sprechiamo..il tempo. E sprechiamo la vita. 
Lo investiamo in assurdità e lasciamo a “tempi migliori” quel che veramente conta. Ci creiamo delle priorità che non sono degne d’essere tali, perché prioritario è altro. E i tempi migliori non arrivano mai.
E allora capita che poi la vita ti acceleri il tempo...o te lo sottragga. 
E ti rendi conto che avresti dovuto investirlo meglio, il tempo. 
Che avresti dovuto cogliere l’occasione...senza pensarci troppo...senza se e senza ma. 
Perché il momento giusto, il giorno perfetto è quello colto..nell’attimo stesso in cui sorge. 
Preso,afferrato e sfruttato appieno. Riempito delle cose che contano davvero..degli affetti più cari.
E ci piango ancora, amica mia. Piangerò ancora amica mia, l’occasione persa…quella rimandata. 
Eppure me l’avevi..me l’hai insegnato tu, che bisogna vivere nonostante tutto. Ed è così triste farlo ora..
Allora mi dico che è un insulto, non vivere. 
Un insulto non provare ad affrontare tutto. 
Un insulto rattristarsi e rimandare.
Un insulto lamentarsi della propria vita. 
Quando per molte persone è solo questa la cosa importante: vivere.  
 E non lasciarsi vivere.
Allora..mi dico..farò viaggi lunghi solo per abbracciare un’amica, affronterò una visita difficile prima che diventi un macigno, affronterò una situazione imprevista inspirando profondamente e a testa alta, rivaluterò le mie priorità. Perché non voglio più sentirmi così.
Ho ammirato la tua forza, la tua tenacia, la tua determinazione. E mi sento un verme a rimanere sospesa, in attesa..a pensare a quello che non avrò mai, alle difficoltà che dovrò affrontare..alla forza che non ho...ai sogni rimandati..ai progetti sepolti nel cassetto...a vivere con la paura...con il senso di inadeguatezza..triste. Mi sento un verme e so che è un insulto, a te. 
Allora quel che posso provare a fare e dico provare perché lo sai che sono una poco tenace e perseverante, è vivere la vita come viene. 
Non ti nascondo che sto piangendo e piango ogni volta che penso a te. Ma devo sforzarmi di non farlo, perché sarebbe uno spreco. E un modo distorto di ricordarti. 
Oh beh, ridere,pensando a te, non riesco ancora, ma ti prometto che riderò. 
Ricordando le battute che ci scambiavamo,le prese in giro sulle reciproche sfighe e disavventure..i capelli che cadevano e la ricerca di un parrucchiere che ci facesse sentire bella…le amiche e le letture… gli uomini strambi e gli aspiranti rubacuori…
Ti voglio bene amica mia…

22 commenti:

  1. Non molto da dire.....
    Un passo alla volta... e riderai pensando a lei... sorriderai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero Boh..lo spero..glielo devo..per tutti i sorrisi che mi ha regalato...

      Elimina
  2. Ti sono vicina, non sai quanto.

    RispondiElimina
  3. oh mi spiace .....passo in punta di piedi e ti lascio un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio l'abbraccio,grazie Fiore..

      Elimina
  4. passo anche io in punta di piedi, ti sono vicina e ti capisco...ho perso un caro amico a gennaio di quest'anno e non c'è giorno in cui non mi dica che dovevo avere più tempo.. per parlare con lui, per chiedergli opinioni e per farmi raccontare cose che adesso nessuno potrà mai dirmi.... si pensa sempre di avere più tempo... e invece il tempo da passare insieme a chi si vuol bene ce lo dobbiamo godere attimo per attimo perchè spesso , il domani diventa mai...
    ti abbraccio forte forte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Silvietta..il tempo può finire da un momento all'altro..allora bisogna afferrare le occasioni,gli attimi..non rimandare..Credo che sia "normale" pensare a quel che non s'è detto..fatto..però fa male lo stesso..Ti abbraccio anch'io..grazie.

      Elimina
  5. "...sto piangendo e piango ogni volta che penso a te. Ma devo sforzarmi di non farlo, perché sarebbe uno spreco. E un modo distorto di ricordarti."
    Ele cara, mi sono resa conto di questo ieri anch'io... mentre editavo qualcosa per lei... e presto credo lo vedrai di là... ma ieri sentivo che avrei dovuto scegliere una musica diversa in sottofondo perchè lei era forte e non credo sia felice a vederci piangere... solo che è difficile...neanche io riesco ancora a smettere.
    Come vorrei sognarla...non faccio che pensare questo!
    un abbraccio forte!


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefy la sua forza,per me, rimarrà sempre un grande insegnamento..un esempio difficile da imitare.Però bisogna ch'io mi sforzi in tal senso..perchè,come hai detto e come ho scritto,lei era così forte e così tenace..che sarebbe un insulto alla sua voglia di vivere..non provarci nemmeno.L'ho sognata solo una volta e ora non più..verrà a farci visita lei,quando sarà il tempo..credo.Un abbraccio forte anche a te.

      Elimina
  6. mi piace che la tua amica ti abbia lasciato qualcosa dentro, ti abbia fatta crescere in un certo senso! e questo resta per sempre.. un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Pier. Tutti gli incontri,più o meno brevi,più o meno duraturi,ti lasciano qualcosa dentro.Anche quelli che sembra ti abbiano tolto..in realtà,col tempo,capisci che ti han fatto dei doni..;-)Bacio Pier..:-)

      Elimina
  7. Forza Ele, lei sarà sempre con te nel tuo cuore. Vedrai che prima o poi coglierai i frutti di questo insegnamento che ti ha lasciato, molto importante e che troppo spesso viene dimenticato. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh lo spero Bacato..perchè lo si disattende sempre...è più facile far l'esatto contrario..e vivere come se fossimo eterni..se tutto fosse eterno..

      Elimina
  8. Quanto dolore proviamo in questi frangenti... e sì, la cosa migliore che possiamo imparare è di vivere ogni secondo con pienezza. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..o almeno provarci..sforzarci...Un abbraccio:-)

      Elimina
  9. Come dice Boh, ora c'è poco da dire ma verrà anche il tempo dei sorrisi...il tempo, quello che, come hai giustamente detto, pensiamo sempre di avere ma che, spesso, fugge veloce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..grazie d'esser passato Baol:-)Sì c'è un tempo per ogni cosa..basta saperlo vivere pienamente..il tempo fugge veloce..e il nostro peggior difetto è quello di crederlo inesauribile..peggior difetto del peggior difetto è quello di rendercene conto solo quando perdiamo qualcosa/qualcuno di caro..e tornare poi nell'oblio..

      Elimina
  10. si .. cerchiamo di cogliere l'attimo ... o almeno qualcuno degli attimi che la vita ci regala

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Old..la vita è fatta di tanti attimi..che messi insieme fanno il tempo..ogni attimo,secondo me,deve essere vissuto senza sprechi..anzi,mi correggo..dovrebbe..perchè vien facile,ora,alla luce di quel che è successo,rammentarmi di godere di ogni attimo..di non lamentarmi..di ringraziare per il semplice fatto di respirare e di stare bene..ma poi,si torna a dimenticarlo e a pensare che tanto..c'è tempo..

      Elimina
  11. Mi viene da dire che dovremmo rimandare solo le cose brutte, e invece no, vanno affrontate di petto, altrimenti l'attesa potrà farci solo più male, riempiendoci di ansia, angoscia e paura.
    Dovremmo aver sempre presente che gli attimi della nostra vita sono così pochi, solo qualche miliardesimo di secondo, rispetto ai tempi cosmici... ma non è facile, quante volte anch'io finisco con l'annegare nelle piccolezze.
    Quando poi non si tratta di piccolezze, ma di vero grande dolore per qualcuno che si è perduto... allora sì che è difficile. Ma possiamo farcela.

    Un abbraccio grande grande, come il tuo cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Zio...in verità le cose brutte le rimando e spesso..le ricaccio via..ma prima o poi devo affrontarle,come giustamente hai detto tu,allora averle scansate,rifuggite,peggiora le cose.Affrontarle di petto..non sai quanto sono fifona..almeno all'inizio..perchè poi,il rimandare diventa straziante,il pensiero si fa assillante e ti rigira il coltello nella piaga e allora fifona o no,devo per forza reagire.Non ho alternative.Sì..ci lamentiamo,almeno io,per delle piccole sciocchezze,a ben vedere,e non godiamo di quel che abbiamo,riteniamo che sia poca cosa..ma la vita sa come ricordarci che non è così..Un abbraccio grande anche te Scriba,grazie davvero:-)

      Elimina

Che aspetti?Dimmelo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...