lunedì 2 settembre 2013

Restart...

Settembre.
Un mese che allo stesso tempo segna l'inizio e quasi la fine. 

La nipotina di Swiff comincia la primaria (le ex elementari) e tutta eccitata se ne va in giro col suo zaino nuovo di Hello Kitty, rosa e glitteroso, proprio come piace a lei. Ha il trolley e dentro tutti i quaderni che via via riempirà.
Occhi a cuoricino e saliva che si secca in bocca, tanto è felice.
Mi ricorda me a quell'età, la mia cartella rosa, scelta accuratamente,avvistata nella vetrina e tenuta d'occhio finchè non è stata mia. 

Cominciava la scuola e con essa un nuovo capitolo della mia vita.

Da allora ogni anno, a Settembre, penso che qualcosa della mia vita stia per cominciare. 
Al contempo, è il primo dei mesi che segnano la fine dell'anno. Per assurdo, mi rendo conto. Tempo due mesi e si è già a Dicembre, Natale, le feste e via..

Dalle scuole medie Settembre è il mese del cambiamento: una tappa contrassegnata di buoni propositi e...capello nuovo!
A 14 anni cominciai a cambiar colore dei capelli. Ero al terzo anno delle medie e avevo urgente bisogno di un cambiamento. 
Se non era il colore, era il taglio o la piega o il liscio che lasciava il posto al riccio.
Inseguivo il cambiamento come inseguivo la moda dei capelli.
Ma dentro cambiavo molto più lentamente.

Poi un giorno ho smesso, son tornata al mio colore indefinito che tanto piace a quelle che incontro dal parrucchiere. Ho cominciato ad amare il mio biondo cenere dai riflessi rossi e strambi, il liscio che si arriccia ai lati delle tempie ai primi segni di umidità, la curva bizzarra verso sinistra ostinata contro la piastra e la cera fissante. Le lentiggini che col sole aumentano sul naso..

Ho cominciato, dal di fuori, il mio cambiamento interiore.
Sarà maturità, sarà vecchiaia..chiamatela come vi pare, ma ho intrapreso il cammino tortuoso, molto tortuoso, di amare me stessa per quella che sono. Coi miei difetti e con i miei limiti (che son tanti..). O almeno di accettarmi, cercando di modificare e rendere meno spigolosi gli aspetti difficili di me.

Ho mosso solo pochi passi e son caduta tante di quelle volte che, ora, preferisco camminare adagio adagio fermandomi più volte per una sosta, magari, ma continuando..e cercando il cambiamento, il nuovo inizio. Quello che darebbe una svolta positiva alla mia vita.
Con un pizzico di paura, perchè le cose nuove mi incuriosiscono e mi spaventano, ma ne voglio, sempre.
Ogni anno, a Settembre mi propongo di superare qualche limite, qualche paura.
Lo scorso anno, per esempio, di imparare a nuotare..ma siam ancora a bordo piscina..

Quest'anno..

Così son entrata dal parrucchiere, mi son seduta e gli ho dato licenza di tagliare. 
"Corti" ho detto.. "..stavolta li voglio corti". 
I suoi occhi, come quelli di un maniaco imitatore di Edward mani di forbice, si son illuminati.
"Hai lasciato Swiff?" mi ha chiesto. Con due occhi e un sorriso a metà tra il pettegolo curioso e lo speranzoso strambo..
"No.." ho risposto "
"Ah..beh..chiedevo..sai..voi donne vi tagliate sempre i capelli quando c'è un cambiamento"
" Nessun cambiamento. Ma lo inseguo. Lo voglio. Per ora comincio coi capelli. Poi si vedrà. Chissà che così non si invogli e arrivi a toccare la mia vita. Dandomi un nuovo inizio."

Il parrucchiere taglia, contento. 
Il risultato non mi spiace.
Son quasi tentata di tagliare ancora.

Ma mi tengo bassa,per il momento. Vado avanti adagio.
Chè già piegarli così 'sti capelli bizzarri ci vuole una dose enorme di pazienza! 
 

 


25 commenti:

  1. Che bel post :) Buon anno a te allora, e viva la voglia e il coraggio di cambiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cri :-) La voglia ce l'ho..il coraggio..beh..per ora partiamo coi capelli..poi si vedrà.. :-) ehehehe

      Elimina
  2. quando una donna ha voglia di cambiare qualcosa nella sua vita... si taglia i capelli. Sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O se li tinge di un altro colore... :-) Sì insomma..un classico :-)

      Elimina
  3. Un pezzo molto bello, molto tuo e per questo pieno di.. te :) Che poi è la cosa più importante da condividere, penso :(

    Ciao ciao ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La faccina :( in realtà era :) sto col cellulare e ho clikkato male ^^

      Elimina
    2. Grazie Maurizio :-) Avevo capito la faccina, tranquillo:-) Il blog è sempre condivisione di un pezzo di me..alle volte allegro,più spesso lagnoso (almeno ultimamente)..:-) (i cellulari son impossibili quando si tratta di commentare!!)

      Elimina
  4. Si dice che i capelli si tagliano quando, idealmente, vogliamo dare una piccola svolta -o un segnale di cambiamento- alla nostra vita.

    Su settembre, anche per me è sempre stato il mese della ripartenza, spesso volenterosa, altre volte no.
    Questo settembre sarà il primo, dopo 25 anni più o meno, in cui non sarò alle prese con studio e scuola.
    Me lo godrò. Settembre non mi dispiace, anzi, spesso addirittura non vedevo l'ora che arrivasse, ma perché mi ero goduto al 3000% agosto, che è il MIO mese :)

    Buon settembre :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Miki che anche per me questo è il primo Settembre senza il pensiero di libri, studio ecc? (almeno fino al prossimo concorso o corso..)..:-)
      Cercherò di godermelo anch'io..al meglio delle mie possibilità :-) Agosto è un mese un pò balordo,per me. Nonostante il compl. è sempre alquanto bizzarro, il tempo volubile e gli amici assenti..insomma..molto solitario..
      Buon settembre anche a te! :-)

      Elimina
  5. Alla fine nuovo inizio non vuol dire per forza cambiamento. Si può iniziare una nuova strada, una nuova via, un nuovo atteggiamento. Non vuol dire per forza che vogliamo cambiare il passato! Ti bacio cara Ele :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Pier no,no! Come dici tu, il cambiamento non è questione di rompere necessariamente col passato o demolire tutto quello che si è fatto.
      Un nuovo inizio,per me almeno, vuol dire rompere con abitudini pesanti che non mi han aiutato a progredire; seppellire paure e timori,spogliarmi di tanti limiti e cercare di trovare una strada nuova. Perchè se quella vecchia non ha funzionato o ha fatto male,allora è il caso di cambiare.
      Solo che non è un percorso facile. Il passato,il presente,per quanto poco allettanti,son comodi in un certo senso..

      Elimina
  6. Uff, io temo che li dovrò tagliare per necessità qui a SF anziché dal mio parrucchiere di fiducia italiano. E' passato troppo tempo e sono ormai allo stadio informe. Però tremo. Tagliarsi i capelli è un segno di cambiamento, ma cambiare parrucchiere è un segno di temerarietà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia,anche i miei erano nello stato informe..e lo diventano nel giro di pochissimo tempo..Per questo ho deciso per un taglio corto. Anche perchè il mio parrucchiere di fiducia - santo uomo - ce l'ho distante 200km ed è un dramma ogni volta..Sì,cambiare parrucchiere è da temerari!! Io ho provato a trovarne un altro..ma zero! Uno solo,sempre uomo,è quasi decente,il resto ti fa rimpiangere di non indossare una parrucca!

      Elimina
  7. Ti ammiro... io non riesco a tagliarli e ... sto appunto per parlare di qualcosa del genere nel mio prossimo post.
    Buon inizio settembre e auguri perchè tu finisca d'inseguire il cambiamento.... trovando il centro di gravità permanente che desideri.

    Ps: ti fai dare qualche ricettina di conserve di verdura da tua madre? E pubblicala magari così ti linko pure.... (o mandamela per mail).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefy,credimi,erano anni che tentennavo...Ho il faccione tondo e il capello fino indomabile,insomma manco dei prerequisiti giusti per un capello corto.Pensavo che non sarei mai riuscita.Ho sempre portato i capelli lunghi se non lunghissimi. E a loro attribuivo la simpatia o il mio fascino discreto..insomma..la mia immagine era fortemente legata ai capelli lunghi. Ora non so,avevo bisogno di un cambiamento.Lo sentivo e premevo forte.E mi son decisa.Confesso che seduta dal parrucchiere,tremavo a ogni ciocca che cadeva,perchè avevo il timore che a casa non sarei riuscita a gestirli.E in effetti si fa fatica(dannato capello)ma mi son armata e..staremo a vedere! ;-)
      Grazie per l'augurio..spero di trovare il mio centro..sto ancora dondolando insicura..e timorosa..(Nadia mi manca tantissimo). Appena sento mia madre le chiedo:-) Ma le tue melanzane son molto più invitanti..;-)

      Elimina
  8. Quanto mi mancano quei momenti :) comprare il diario, l'astuccio, riempire i quaderni... Ahhh!

    Nadia from The Life In A Year

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì:-) erano i momenti più belli:-) Io impazzivo ogni volta che avevo un quaderno nuovo da riempire..:-) Ancora oggi,quando vado in giro in questo periodo,mi vien una tremenda voglia di comprarne uno..:-)

      Elimina
  9. Con i capelli corti ti troverai bene.
    Settembre è sempre un mese molto impegnativo, lo era prima della scuola e lo è adesso al lavoro...

    Buon martedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora mi trovo abbastanza bene..li trovo comodi e pratici..devo solo abituarmi alla nuova immagine che vedo allo specchio :-)
      Sì,settembre è impegnativo..se torni dalle ferie..Io son abituata a lavorare - quando lavoro- anche in agosto e quindi non perdo il ritmo..La stanchezza si sente di più verso maggio giugno..Non so perchè ma settembre ottebre e novembre in genere scorrono sempre via veloci..
      Buon martedì a te! :-)

      Elimina
  10. Settembre è il cambiamento ma quando inseguiamo il cambiamento, cambiamo ogni giorno ed ogni giorno rimaniamo uguali perché, forse, il cambiamento è, semplicemente, capire quello che siamo veramente. Non avviene subito, a volte ci vogliono tanti anni. Io, per esempio, non ho ancora finito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Baol,anche questo è cambiamento:scoprire aspetti di sè che si pensava di non avere. Non so quanto si rimanga uguali,raggiunta un'altra piccola consapevolezza su se stessi. Rileggendomi ho notato che fondamentalmente son la stessa di anni fa,ma con più consapevolezze,più accettazione e più indulgenza con me di quanto non ne avessi prima. E questo in sostanza cambia la Ele che ero. Ho ancora moltissima strada da percorrere a tal proposito..ma un passo per volta... :-)

      Elimina
  11. Ah ... bei tempi quando potevo tagliarli, i capelli ... :-(

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Old...ora vai di rasio o lametta? Comodo! :-)

      Elimina
    2. Rasoio...era rasoio.. :-p

      Elimina
  12. vero. Settembre e aria di cambiamento. PIù che a Capodanno.
    Ricordo quando non vedevo l'ora di comprare i quaderni nuovi, a righe e quadretti, le penne, l'astuccio.. la lotta per lo zaino nuovo.
    E il sacrosanto diario!
    Sembrano essere passati secoli! :D

    RispondiElimina

Che aspetti?Dimmelo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...