mercoledì 19 giugno 2013

Etichettiamoci!

Son sempre alla ricerca. Cerco, cerco, cerco. E da quando mi son "fissata"per l'eco e il bio, per star attenta alla mia "pellaccia" - sia dentro che fuori - cerco anche di più.Internet offre molto e molto più velocemente. E anche facebook può aiutare.

Non solo in tempi di crisi recente, ma anche prima, ho sempre puntato al risparmio, senza scadere nella qualità, quando possibile (alle volte meglio una cosa di qualità seppur un pò cara che mille cosine che costan poco ma son dannose per la salute). Così gira gira in rete...trovo questa bella iniziativa.

Io leggo l'etichetta è un invito,appunto, a leggerla, l'etichetta, dove per legge deve essere indicato il nome, la sede e ogni altra indicazione del fabbricante/produttore. Leggendo leggendo..potrete scoprirne delle belle: scoprirete che i pannolini Coop sono prodotti da Huggies, che la Colomba Conad - visto che siam ancora sotto le festività pasquali - è prodotta dalla Paluani..ma ovviamente, costa meno. Etichettandovi, innescherete un circolo virtuoso che investirà voi per primi e poi i vostri familiari, amici, colleghi..permettendovi di risparmiare. Tantissimo.

Per aderire all'iniziativa è sufficiente andar sul sito cliccando sopra o sulla pagina facebook. Nel forum del sito troverete le news degli utenti (presto anche le mie), che come validi agenti segreti travestiti da casalinghe/casalinghi, fotografano i prodotti prima di metterli nel carrello e poi aprono un post ad hoc permettendo a noi e ad altri interessati come noi a risparmiare, di scegliere meglio e più convenientemente.
Non è una gran bella iniziativa???:-)

PS: fin a qualche tempo fa diffidavo dei prodotti non " a marchio" (beh anche di alcuni a marchio, a dir il vero), mi son dovuta ricredere prima su alcuni cosmetici, detergenti ecc e ora anche dei prodotti alimentari :-)

19 commenti:

  1. Sapevo che tante ditte piccole lavorano per i grandi marchi e quindi che paghiamo di più, ma non che fosse viceversa. Insomma come la mettiamo mettiamo è sempre una presa per le chiapet e un voler far girare soldi come e quanto dicono le multinazionali.
    Sì, quest'iniziativa mi piace!
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì,in realtà io leggevo l'etichetta anche prima..ma solo per vedere conservanti ecc. I prodotti a marchio conad o coop li evitavo quando leggevo certi ingredienti e tuttora lo faccio,perchè a prescindere da chi li produce, l'ingrediente come l'olio di colza,non lo ammetto in casa! Però non so,una presa per i fondelli in questo caso non direi,i prodotti a marchio delle cooperative,prodotte dai brand noti,son ottimi. E costano veramente meno..

      Elimina
  2. Se ti interessa le prugne denocciolate della Carrefour e di Panorama sono inscatolate dalla Noberasco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buono a sapersi. Ma mangio solo le prugne fresche e di stagione,le prugne secche denocciolate le evito..non mi fido molto di come vengono prodotte..Ps: qui il Carrefour non c'è..:-( e poi,inscatolate non vuol dire prodotte..giusto?

      Elimina
    2. bè ... a produrle le produce l'albero :-), e quelle della Noberasco non hanno additivi, solo prugne ed acqua

      Elimina
    3. Buono a sapersi!:-) Quelle della Sunsweet dentro ci mettono schifezze...Ps: ma che davvero le produce l'albero??nooooooo...ed io che pensavo crescessero sugli scaffali...:-P

      Elimina
  3. è un luogo comune diffidare dei prodotti non a marchio.. ma è anche una piacevole scoperta iniziare a preferirli! Io lo faccio spesso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda,io evito solo i sotto.discount.Altrimenti compro a occhi chiusi i prodotti non brandizzati..Compro al lidl,moltissimo, e compro conad coop,iper..anche bio.Ma evito MD assolutamente. Mentre adoro la marmellata Eurospin,prodotta da Menz &Gasser. Meno dolce di quelle arcinote e ottima per le crostate:-)

      Elimina
  4. Sono d'accordo, è un'ottima cosa leggere l'etichetta! Io lo faccio e per farmi due calcoli in più leggo anche il prezzo al kg... Ogni tanto si scoprono cose interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ho scoperto da poco la cosa del prezzo al kg per certi prodotti..:-) L'etichetta la leggo sempre,ma questo fatto che son prodotti da brand che poi non ci mettono la firma,lo ignoravo..leggevo ingredienti scadenza..ecc.:-)

      Elimina
    2. @Clyo, io sono un consumatore di Muesli, e mi sono reso conto tempo fa che quello delal Cameo costa un pò meno di quello della Kellog's (i due marchi più diffusi). Peccato che abbia il 20% di contenuto in meno, 300 g invece dei classici 375 g di tutte le altre marche

      Elimina
    3. Prova quelli della Lidl.. quelli a marchio Conad come sono?

      Elimina
  5. senti ma dove clicco, per trovare questo sito di etichettiamoci ? o ho capito male? ...da alcuni anni seguo il bio e compro attraverso un gas. certo dopo un pò ti viene il tic. l'ossessione di sapere, sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhh ho dimenticato il link!! ehehehe Scusami...volevo mettere la foto ma poi non caricava e il link l'ho perso per strada..il sito è www.ioleggoletichetta.it :-) nella sezione forum ci sono le recensioni, alcune anche mie,ma son vecchiotte credo:-) Anch'io compro bio,ma soprattutto cosmetici,perchè ho trovato marche che fanno ottimi prodotti a prezzi assurdamente bassi (tipo matita per occhi a 2,50 euro..assurdo no?) ed io ho la pelle delicata. Altrimenti riso o qualche succo di frutta e the, yogurt e malti vari per il pane..Con i gas non ho mai comprato,qui non ce ne sono,dovrei spostarmi..ma a qusto punto..Ps: tic?ehehe sì,ma io son fissata di mio,quindi mi vien normale,ormai so riconoscere gli ingredienti dall'inci cosmetico e dall'etichetta alimentare..anche se ogni tanto..;-)

      Elimina
    2. guarda il tic a me viene ...purtroppo quando mangio da altre persone, che so non seguono il bio. però non è che io riesca poi ad essere ortodossissima. ci provo insomma. ma è difficile e costosto, anche se ripaga con la qualità. tuttavia mi soffermo a leggere etichette di ogni cosa, per sapere, semplicemente sapere, dove fanno un biscotto, dove cresce un pomodoro...non so, oramai ho sviluppato questa specie di mania... ora vado sul sito. ma stanno anche su fb?

      Elimina
  6. è una tara che ho.. leggere il luogo di produzione dell'alimento che compero, indifferentemente dal marchio: prediligo insomma i prodotti locali, che hanno sostenuto pochi km per arrivare alla vendita.
    :)

    RispondiElimina
  7. Che bella iniziativa, grazie! Sono andata subito a iscrivermi alla pagina fb.

    RispondiElimina

Che aspetti?Dimmelo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...