martedì 22 maggio 2012

"gnè gnè"






Complice la “crisi”, per colpa della “crisi”, grazie alla “crisi”, si rispolverano antiche consuetudini, vecchi trucchi e modi per risparmiare.. Per alcuni,addirittura, si scoprono nuovi modi di pensare,vedere e leggere gli eventi, fare la spesa e cucinare o pulire casa.
Insomma, la crisi, ha fatto centro. Ha, cioè, assunto nella mente di quasi tutti la caratteristica che le è propria etimologicamente. Perché crisi non è sinonimo di “crollo”, bensì di giudizio, riflessione ponderata, attenta. Un rivedere e un riflettere su quel che si pensa, si fa, si è.
E c’è voluta questa infelice congiuntura economica, per svegliar un po’ tutti. E convertir anche gli scettici dell’ormai vecchio ceto medio, all’economico .
Così, si son spalancate le porte del commercio mediante i “gas”(gruppi di acquisto solidale), s’è imparato a far due conti prima di comprare e a scegliere il locale,il prodotto a km zero anche se il venditore era sembrato sempre un po’ antipatico o “rozzo” (“che volete,è un contadino..”). Così, s’è compreso che si può vivere anche senza le grandi marche della distribuzione, per esempio, che si può far a meno di tanto e che lo spreco va eliminato dal proprio modo di vivere: son soldi che non si recuperano. Che fare la differenziata oltre a far bene all’ambiente, giova al portafoglio e alla mole di immondizia da portar via: perché ora tutto quel che si può recuperare lo si lascia in casa e non lo si getta nel cassonetto, compresi i bottoni delle vecchie camicie e le zip dei pantaloni, i cartoni porta uova e i sacchetti di carta del pane.
Giusto l’altro ieri riflettevo su tutto questo. Con la crisi s’è cominciato ad adottare uno stile di vita che per moltissimi era la “normalità”, ma che veniva guardato con qualche perplessità se non addirittura “ribrezzo” dalle “signore gne gne”. Quelle, per intenderci, che al discount non son mai entrate prima, quelle che comprano solo nel negozio sul corso o al centro commerciale, roba di marca,perché è senza dubbio di qualità (“se costa di più un motivo ci sarà”)quelle che se l’uovo non aveva il tuorlo perfettamente sodo e rosso lo buttavan via assieme a tutte le altre uova perché, tanto, per quel che costa, si può anche evitar la fatica di mettersi a far la cernita. Quelle che l’insalata solo in busta,così è già tagliata, pulita e non si fa fatica, non ha le lumachine come quella del contadino, sinonimo,ovviamente,di scarsa igiene e di chissà che malsanità (mah). Quelle che ti snobbavano quando raccontavi loro che avevi fatto un affare al banco del giovedì, comprando tre maglie a 15 euro o il trench al lidl a soli 19 euro.
Ora, a vederne alcune, scoprir “l’acqua calda” del risparmio,mi vien da ridere. (Bonariamente eh..)Così come rido,quando leggo sulle riviste, delle nuove tendenze, della moda revival, del vintage e del baratto di vestiti tra mamme, perfino le mamme vip, dell’uso della vecchia sporta di vimini per fare la spesa. Di colpo tutti si scoprono ecologisti, economisti del risparmio e sostenitori del giusto prezzo e del divieto di sprechi.
E mi dico che, forse, ci scrivo su un libro, sulle “tecniche di sopravvivenza in tempi precari”. Perché a me la crisi ha dato una bella batosta,sì,ma certi comportamenti, certe abitudini sane al risparmio al mangiare sano, all’evitare gli sprechi, al comprare con intelligenza e scendendo a compromessi (e barattando abilmente con i venditori al mercato o al negozio)per far rimanere in tasca qualche soldo in più, son mie da sempre, han caratterizzato tutta la mia vita. Perennemente precaria economicamente. Per me, la crisi ha tolto solo la possibilità di lavorare arrangiandomi (perfino come donna delle pulizie in casa d’altri ora non trovi nulla..le donne gne gne se le fan da sole!), la speranza in un domani migliore(in questo Paese almeno) e in una casa tutta mia. Ma le mie abitudini son sempre quelle. E rido. Rido perché ora potrei quasi far un corso alle donne gne gne, sulla cucina degli avanzi, una full immersion nello shopping da bancarella con annessa lezione di tecnica del baratto col venditore per scampar il prezzo migliore; un tour guidato ai supermercati con schemini sulle più importanti e vantaggiose schede raccogli punti o sconti fedeltà; una lezione sul bucato a mano in estate o sulle lavatrici delle 23, sulla ceretta fai da te e sulle parrucchiere/estetiste in casa che con dieci euro ti fan trucco e parrucco davanti a una tazza di the e una rivista di gossip o un volantino del discount.  
E sarei un tipo “al passo coi tempi”, una “competente in materia” o, come piace tanto a certi accademici, “un cultore della scienza”. Ehehehehehehehe

8 commenti:

  1. ecco spiegalo a mia sorella e al mio ragazzo che non hanno il senso della misura quando vogliono una cosa -.-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh..se vuoi ;-) Secondo me,prima o poi, una misura se la dan tutti.O almeno quelli che,per esigenze vere,devono.

      Elimina
  2. Telepatica! lo pensavo stamattina.., che in realta' i nostri bisogni son davvero pochissimi.., le necessita'.., poi le altre cose son tutte"superflue......., si.., la crisi "aiuta" a riciclare, apprezzare, risparmiare.., ma se continua cosi'.., se continua ad andare peggio.., se i soldi invece di esser pochi.., non ci sono per nulla.., ovvio.....che saremo nella m. ....... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh se i soldi non ci sono non si risparmia..cioè non si fa proprio nulla.La crisi aiuta ad apprezzare,forse..Anche perchè i soldi,come tutto,posson finire.E quando finiscono sono cavoli(amari).Se ci si abitua bene e prima ad un uso razionale(se possibile)e a evitare gli sprechi,però, come diceva nonna e mi dice mia madre, i soldi finiranno più tardi..

      Elimina
    2. Ah..e se uno risparmia ecc, ha il vantaggio,almeno,di ritrovarsi qualcosa qualora finiscan i soldi e si tornasse al baratto come unica fonte di scambio/vendita/acquisto.

      Elimina
  3. Se ti serve un'assistente durante le tue lezioni fai un fischio che arrivo in un attimo.
    Brava cuginetta, sono sempre stata contro gli sprechi ed il risparmio. Mia mami è esasperata perché conservo tutto e non voglio mai buttare niente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhh anche la mia e,credimi,per buttar via qualcosa c'è voluto il terremoto prima e l'alluvione poi.E anche lì ho fatto una fatica immensa.Ps: nell'armadio,per esempio,ho fatto fuori poca roba(tutta regalata o donata in beneficienza ecc),il resto lo conservo.E così mi son ritrovata roba che è tornata di moda ora..;-)O i classici che van bene sempre,conservando le diverse taglie che ho vestito:-)Certo alla 38 dubito che tornerò e quindi quelle le ho fatte fuori quasi tutte..

      Elimina

Che aspetti?Dimmelo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...